Home / ATTIVITA’ PARLAMENTARE / Pescatori ascoltati sul fermo pesca
Un impegno che è stato portato avanti dal dicastero e che dovrebbe essere giunto oggi finalmente ad una soluzione positiva.

Pescatori ascoltati sul fermo pesca

Il decreto del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali relativo al fermo pesca 2018 che ha posticipato al 27 agosto la data di inizio per i compartimenti del basso Adriatico, ha destato preoccupazione e scontento nella marineria di Manfredonia interessata dalla scelta del ministro Gian Marco Centinaio.

Nell’incontro “Che pesci prendere?” organizzato dalla Flai Cgil e tenutosi sabato scorso 21 luglio, ho preso l’impegno di verificare in sede ministeriale la possibilità di variazione sollecitata dalla marineria sipontina.

Per le caratteristiche del fondale di questo compartimento è necessario addivenire ad una scelta differente del periodo di fermo pesca a beneficio delle risorse ittiche, del mar Adriatico e della redditività degli operatori del settore.

Dopo l’incontro di Manfredonia, interessai subito il ministro Centinaio delle richieste, motivate e razionali, dei pescatori sipontini: un impegno che è stato portato avanti dal dicastero e che dovrebbe essere giunto oggi finalmente ad una soluzione positiva anticipando l’inizio del fermo pesca presumibilmente all’11 agosto. Sul lungo periodo, inoltre, siamo a lavoro per una decisione definitiva che possa andare incontro alle esigenze delle diverse marinerie, tutelando davvero la ricchezza dei nostri mari ed il reddito dei pescatori.

Le soluzioni, ovviamente, saranno condivise con tutti gli operatori del settore e saranno il frutto di un continuo dialogo e confronto con tutti i soggetti interessati, ivi incluso il mondo ambientalista.

Manifesto evento “Che pesci prendere”
L’attacco 26.07.2018
Il Mattino di Foggia26.07.2018

Lascia un Commento