Home / Senza categoria / Il Fondo di Garanzia sfiora i 4 miliardi in agricoltura
L'accesso diretto al Fondo di Garanzia ha concesso finanziamenti alle imprese agricole e della pesca per oltre 3.587 milioni di euro

Il Fondo di Garanzia sfiora i 4 miliardi in agricoltura

Ad un anno dall’avvio dell’operatività, l’accesso diretto al Fondo di Garanzia di Mediocredito Centrale ha concesso finanziamenti alle imprese agricole e della pesca per oltre 3.587 milioni di euro, a fronte di 23.035 domande presentate. La novità per il credito al comparto primario è divenuta realtà grazie a un emendamento del MoVimento 5 Stelle al decreto “Cura Italia” e ha permesso di supportare le aziende durante la pandemia sia con iniezioni di liquidità che con pianificazioni di investimenti. L’importo medio della singola pratica, infatti, è pari a circa 155mila euro, segno che vengono istruite pratiche più complesse di quelle sino a 30mila euro, notoriamente più semplici grazie alla garanzia statale al 100%.

La palma dell’istituto di credito più operativo spetta a Intesa Sanpaolo con circa 668 milioni di euro di pratiche istruite, con un valore medio di 153mila euro per ogni pratica, che da sola rappresenta il 20% del totale finanziato. Seconda Unicredit (318 milioni di euro e 1.814 pratiche), terzo il Banco BPM (369 mln e 1.788 pratiche): ben 378 gli istituti coinvolti. Tra i territori che attingono maggiormente al fondo troviamo la Lombardia con 519 milioni di euro, frutto di 2.749 pratiche, seguita dal Veneto (572 milioni e 2.715 domande), Piemonte (310mln), Emilia-Romagna (471mln) e Toscana (347mln). Prima regione del Sud è la Sicilia con 211 milioni di euro e 1.739, seguita dalla Puglia (204 milioni e 1.639 domande).

Alla garanzia del Fondo di Mediocredito Centrale è possibile, poi, sommare l’ipoteca grazie a un’ulteriore novità normativa che abbiamo introdotto nel Sostegni-bis così da agevolare ancor di più l’accesso al credito delle imprese agricole. Ai 3,6 miliardi del Fondo di Garanzia, si aggiungono i circa 1,5 miliardi garantiti da Ismea a oltre 2.000 aziende.

L’Ente vigilato dal Mipaaf, infine, è riuscito ad ottenere dall’Ue l’estensione della durata dei finanziamenti sino a 10 anni. Il “Progetto Credito” continua con l’intento di affiancare il lavoro di rilancio post-Covid portato avanti dal comparto agricolo e alimentare italiano.


PUGLIA

La Puglia è la settima regione italiana e la seconda del Sud Italia, dopo la Sicilia, per accesso delle imprese agricole e della pesca al Fondo di Garanzia di Mediocredito Centrale. Degli oltre 3.587 milioni di euro, a fronte di 23.035 domande presentate, a livello nazionale, in Puglia sono giunti 204,3 milioni di euro per 1.639 pratiche. L’importo medio per ogni domanda è di 124.667 euro.

Lascia un Commento