Home / RENDICONTAZIONE / 6 imprese di Polignano finanziate dal Microcredito
Giunge a 6 il numero di imprese di Polignano che hanno beneficiato del microcredito, grazie al taglio dello stipendio dei 5 Stelle
Giunge a 6 il numero di imprese di Polignano che hanno beneficiato del microcredito, grazie al taglio dello stipendio dei 5 Stelle

6 imprese di Polignano finanziate dal Microcredito

Gli oltre 20 milioni di euro restituiti dai parlamentari del Movimento 5 Stelle (da sommare ai 42 milioni di rimborsi elettorali rifiutati) hanno permesso di finanziare, attraverso lo strumento del Microcredito di Stato, ben 3.766 imprese. L’importo totale finanziato è stato pari ad 82 milioni di euro, con un finanziamento medio di 21.870 euro mentre si può stimare la creazione di circa 9.150 posti di lavoro. E a Polignano? Il nostro comune, che grazie a me ed Emanuele Scagliusi ha sinora conferito al fondo oltre 340 mila euro, è riuscito ad ottenere di ben 127 mila euro. A beneficiarne 6 aziende: 5 imprese individuali e una società a responsabilità limitata.

 

Settimanale FAX - 07.01.2017

Settimanale FAX – 07.01.2017

 

Si va da un minimo di 12 mila euro ad un massimo di 25 mila, l’importo limite del microcredito sostenuto dai 5 Stelle a cui, però, si potrebbero in futuro aggiungere altri 10 mila euro a richiesta della singola azienda. Tutte le informazioni sono presenti sul sito www.microcredito5stelle.it.

 

 

Questa opportunità di finanziamento è già realtà in Puglia per oltre 230 imprese e non possiamo che invitare altri polignanesi a farsi avanti per ottenere questo sostegno alla propria attività commerciale e industriale. Mentre loro cancellano i diritti con il Jobs act, noi puntiamo a restituirli con il Reddito di cittadinanza. Mentre loro rubano legalità con le grandi opere, noi lottiamo con proposte concrete contro la corruzione e il malaffare. Loro continuano a tenersi una busta paga a quattro zeri, noi ci dimezziamo lo stipendio e restituiamo le somme in eccesso.

 

 

Settimanale FAX - 07.01.2017

Settimanale FAX – 07.01.2017