Home / ATTIVITA’ PARLAMENTARE / Xylella: approvata risoluzione M5S
Dopo un anno e continue pressioni, vengono approvati gli impegni al Governo per contrastare la xylella e il disseccamento rapido dell’olivo
Dopo un anno e continue pressioni, vengono approvati gli impegni al Governo per contrastare la xylella e il disseccamento rapido dell’olivo

Xylella: approvata risoluzione M5S

Dopo quasi un anno dalla presentazione, datata 31 ottobre 2013, la Commissione Agricoltura approva finalmente all’unanimità la risoluzione M5S, a mia prima firma, sul disseccamento rapido dell’olivo che ha drammaticamente colpito le terre salentine. Un’approvazione tardiva non solo se confrontata a quando sollevammo il cosiddetto affaire Xylella alla Camera ma anche in relazione al decreto ministeriale, approvato la scorsa settimana dal Ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina per correre ai ripari, dinanzi ad una stagione olivicola che si annuncia devastante per i coltivatori del Salento. Assieme alla risoluzione M5S, sui cui lavori avevo richiamato la Commissione ad inizio agosto, sono state approvate le disposizioni dell’onorevole Mongiello (PD) e del collega del gruppo misto Zaccagnini. Unico punto di divergenza, nei diversi impegni indicati al Ministro Martina, quello relativo al commissario straordinario: noi abbiamo optato per l’astensione solamente grazie alla modifica del Governo che ha inserito “a valutare l’opportunità di incaricare un commissario”.

 

 

Siamo, infatti, contrari alla nomina di un commissario ad hoc vista l’esperienza italiana ma soprattutto dato che c’è già un comitato tecnico responsabile, composto da esperti e professori in grado di vagliare ogni possibile soluzione per superare il problema del disseccamento rapido dell’olivo. Il Governo sembra esser ritornato sui suoi passi all’idea di creare una ulteriore poltrona. Con l’inserimento, da parte dei colleghi del Partito Democratico, del titolo gratuito di questo commissariamento, abbiamo optato per l’astensione.

La risoluzione M5S impegna il Governo a predisporre tutte le misure necessarie per risolvere il complesso del disseccamento rapido dell’olivo, coinvolgendo attivamente le istituzioni e gli enti di ricerca, a conferire gli stanziamenti previsti dalla Legge di Stabilità 2014 per questa emergenza, a valutare l’opportunità di rendere pubblici, su un portale dedicato, i dati finora raccolti sulla diffusione e sulla gravità del cosiddetto affaire Xylella, così da evitare clamore ingiustificato ed allarmismi. Inoltre, la risoluzione L’Abbate prevede di valutare l’opportunità di acquisire i risultati relativi al monitoraggio della xylella fastidiosa, commissionato dalla Regione Puglia all’Università di Foggia su circa 2.000 campioni di olivi prelevati dalle zone olivicole di Bari e della Capitanata, per dimostrare l’eventuale espansione della malattia, di rendere noti, qualora possibile, i risultati relativi al soddisfacimento dei postulati di Koch e, pertanto, alla patogenicità del ceppo di xylella sull’olivo, come espressamente richiesto dai protocolli europei EPPO nonché di allargare il campo di indagine della malattia, considerando anche l’eventuale correlazione con l’utilizzo massiccio di diserbanti, tra cui glifosate e glufusinate, che nell’area salentina vengono distribuiti in massicce quantità negli oliveti, con più trattamenti nell’arco dell’anno solare. Infine, le politiche di controllo alle frontiere, gli interventi di profilassi ma soprattutto le azioni e le misure preventive e di sostegno per gli agricoltori e le aziende olivicole pugliesi interessate, facendo fronte ai danni al tessuto economico regionale.

 

 

Una votazione unanime della Commissione Agricoltura della Camera che, seppur tardiva, essendo giunta dopo l’emanazione del decreto Martina almeno ci consente di addrizzare il tiro su diversi fattori che, purtroppo, risultano mancare nelle disposizioni elaborate dal Ministero dell’Agricoltura. Spiace constatare la lentezza e la poca concretezza, invece, della Regione Puglia che, in un anno, ha concluso poco o nulla per risollevare le sorti degli agricoltori salentini.

Commenti

  1. […] nonostante la mia risoluzione sulla Xylella approvata lo scorso ottobre a Montecitorio, mancano ancora le misure da […]

  2. […] questo dopo un anno e mezzo dal deposito della nostra risoluzione, approvata lo scorso ottobre. Chiederemo l’audizione del commissario Silletti per comprendere come intende agire, speriamo nel […]

  3. […] sarebbe stato confinato nella zona di Gallipoli, evitando di colpire tutta la penisola salentina. Siamo stati i primi a portare l’affaire Xylella all’attenzione del Governo attraverso una risolu…, approvata dalla Commissione solamente ad ottobre 2014, ad un anno dalla sua presentazione, mentre […]

  4. […] sapevamo che il Governo avesse bisogno di essere impegnato ogni anno con un atto differente. Nell’ottobre 2013, siamo stati i primi a portare all’attenzione del Parlamento la questione del … e, dopo nostre numerose pressioni, siamo riusciti ad ottenere l’approvazione all’unanimità […]

  5. […] al solito, in Italia si deve attendere oltre la ‘zona Cesarini’ per iniziare a darsi una mossa. Abbiamo presentato i primi atti di indirizzo al Governo nell’ottobre 2013, approvati solamente un …, e Martina comunque non ha fatto alcun passo se non quello di metterci una vita per nominare un […]

  6. […] del disseccamento rapido dell’olivo che sta mietendo “vittime” tra gli oliveti salentini e compromettendo l’olivicoltura pugliese […]