Home / ATTIVITA’ PARLAMENTARE / Rivisti gli standard formativi per gli addetti alla manutenzione del verde
Il Governo ha ammesso la necessità di rivedere gli Standard professionale e formativo di manutentore del verde approvati dalla Conferenza Stato-Regioni

Rivisti gli standard formativi per gli addetti alla manutenzione del verde

L’attuale documento relativo agli standard formativi per gli addetti alla manutenzione del verde, licenziato dalla Conferenza Stato-Regioni, è inadeguato e va modificato. A dichiararlo è lo stesso Governo dinanzi alle richieste del Movimento 5 Stelle ribadite nel question time al ministero delle Politiche Agricole. Lo stesso Mipaaf ha chiesto al tavolo tecnico preposto sul florivivaismo di fornire dei documenti in grado di migliorare quanto previsto nel testo prodotto dalla Conferenza Stato-Regioni e che saranno prese in considerazione delle forme di esenzione dall’esame e di riduzione del percorso formativo in ragione del titolo di studio e dell’esperienza professionale maturata. Tra gli altri aspetti che saranno rivisti, vi è la necessità di un percorso formativo per chi non è in possesso di alcuna qualifica professionale, approfondendo le problematiche di natura fitosanitarie e di smaltimento di materiali di risulta.

Avere operatori professionali con chiari standard è essenziale. Troppe volte intorno alla manutenzione del verde ruotano veri e propri giri d’affari poiché un lavoro effettuato male si deve rifare. Siamo soddisfatti che, grazie alle nostre sollecitazioni condivise con esperti del settore e albi professionali, il Governo stia cercando di aggiustare il tiro. Auspichiamo che il tavolo tecnico possa giungere ad una modifica del cosiddetto “Standard professionale e formativo di manutentore del verde” che vada verso una riscrittura più puntuale, in armonia con la legislazione vigente, e che possa presto trovare l’accordo in seno alla Conferenza Stato-Regioni.

 

Foglie - 11.2017

Foglie – 11.2017