Home / EVENTI / Polignano: Di Battista infiamma piazza San Benedetto
Il deputato Alessandro Di Battista torna a Polignano, in una gremita piazza San Benedetto, con il Bancocrazia Tour. Primo comizio per Maria La Ghezza (M5S)
Il deputato Alessandro Di Battista torna a Polignano, in una gremita piazza San Benedetto, con il Bancocrazia Tour. Primo comizio per Maria La Ghezza (M5S)

Polignano: Di Battista infiamma piazza San Benedetto

Dal bagno di folla di piazza Moro dello scorso 23 agosto, alla gremita piazza di San Benedetto nel centro storico. Alessandro Di Battista è tornato nella nostra Polignano ritrovando lo stesso calore della tappa estiva del “#IoDicoNo – Costituzione Coast to Coast Tour”. Questa volta, il deputato portavoce 5 Stelle, accompagnato da me ed Emanuele Scagliusi, ha portato nel nostro paese il suo nuovo tour “Un diritto di tutti, nessuno escluso. Contro la bancocrazia verso il reddito di cittadinanza”.

Perché – come ha dichiarato lo stesso Di Battista sul palco – oramai non siamo più in democrazia. A comandare sono le banche a cui questa classe politica supina ‘dedica’ provvedimenti incessantemente. I soldi per le politiche sociali a favore degli italiani non ci sono mai, per un istituto finanziario come Mps si trovano in 30 minuti! Prima le spolpano le banche, poi ce le ripianano con i soldi delle tasse, con i soldi nostri!”.

 

 

L’evento è stato l’occasione per presentare sul palco la candidata sindaco M5S di Polignano Maria La Ghezza che ha esordito partendo proprio da dove Alessandro Di Battista ci aveva lasciato, ovvero da quella “rotatorie elettorale” e da quell’ “asfalto elettorale” che aveva profetizzato in vista delle Elezioni Amministrative. La nostra candidata sindaco ha toccato alcuni punti chiave di quella che sarà la campagna elettorale: le tasse, la gestione dei rifiuti, l’utilizzo delle risorse comunali, il capitolo turismo e convivenza con i residenti annunciando i prossimi appuntamenti nelle piazze dove verranno illustrate le soluzioni prospettate per la Polignano del futuro! L’alternativa c’è!