Home / ATTIVITA’ PARLAMENTARE / La discarica Martucci di Conversano diviene caso nazionale
Interrogazione M5S ai Ministri dell’Ambiente, della Salute e dell’Agricoltura sulla tragica situazione della discarica Martucci di Conversano
Interrogazione M5S ai Ministri dell’Ambiente, della Salute e dell’Agricoltura sulla tragica situazione della discarica Martucci di Conversano

La discarica Martucci di Conversano diviene caso nazionale

Una lunga storia, iniziata nel lontano 1982. Una storia che è entrata nella quotidianità e nelle vite di tutti i cittadini del sud-est barese. Una storia che ha visto alterne vicende tendenti al torbido: autorizzazioni poco cristalline che l’hanno portata dall’abusivismo alla regolarizzazione, proteste cittadine e levata di scudi di associazioni per una situazione non sostenibile a più riprese dal 1990 ad oggi, proroghe, concessioni, mancate bonifiche, ricorsi al TAR ed al Consiglio di Stato, impugnazione di delibere e atti regionali e provinciali, dubbi sui pareri di enti territoriali come Asl o Arpa, sommaria gestione amministrativa della questione a più livelli, tariffe gonfiate a dismisura a tutto svantaggio della popolazione tassata ulteriormente, sequestro penale preventivo, testimonianza diretta di un ex-operaio che ha “svuotato il sacco” (un eroe dei tempi odierni), coltivazioni innaffiate con il percolato, cavità riempite in ogni dove con ogni tipologia di rifiuti e, per finire, 11 persone tra tecnici e imprenditori iscritti al registro degli indagati per reati quali omissione di atti di ufficio, falso, frode nelle pubbliche fornite, truffa aggravata. Questa è la “Discarica Martucci” di Conversano. Questa la storia degli ultimi 30 anni di quella che un tempo era denominata “Conca d’Oro” per la fertilità delle terre dai frutti rigogliosi. Una storia che ora varca i confini della Terra di Bari e giunge a Montecitorio all’attenzione dei Ministri dell’Ambiente, della Salute e dell’Agricoltura.

 

La Repubblica Bari - 28.05.2013

La Repubblica Bari – 28.05.2013

 

L’urlo di dolore della nostra terra e dei miei concittadini non poteva rimanere inascoltato dinanzi alla sordità di chi ha amministrato questo scempio negli anni e che continua a parlare di qualche pila e qualche copertone d’auto. Ho depositato una interrogazione scritta, controfirmata da altri 59 colleghi portavoce del MoVimento, che si affianca al lavoro svolto sinora, e che ci auguriamo continui a svolgere in totale autonomia e senza condizionamenti di sorta, dalla Magistratura di Bari. Chiediamo che la megadiscarica di Martucci venga inserita tra i siti da bonificare di interesse nazionale, soprattutto per quel che concerne il primo lotto chiuso nel 1996 ed il terzo lotto chiuso nel 2011 e da allora non più competenza della Regione Puglia che ne ha declinato pubblicamente le responsabilità, quella regione guidata proprio da chi si vanta del termine “Ecologia” nel proprio vessillo.

 

 

Chiediamo che lo Stato si costituisca parte civile per il risarcimento del danno ambientale sia per i reati al vaglio della Magistratura sia per l’avvelenamento comprovato dall’utilizzo del percolato per la coltivazione dei prodotti agroalimentari sui suoli contigui alla medesima discarica. Chiediamo di verificare gli interventi di bonifica e ripristino ambientale e di ordinare di dare corso agli adempimenti previsti dall’AIA per i lotti già chiusi. Chiediamo di mettere in sicurezza i campi coltivati nelle aree interessate dallo smaltimento illegale ed incontrollato avvenuto in passato e di tutelare la salute degli agricoltori e dei cittadini, realizzando un dettagliato studio idrogeologico di settore, propedeutico alla individuazione di pozzi spia per il controllo delle falde acquifere visti i numerosi dubbi emersi, dalla medesima indagine della Magistratura, sul lavoro dell’Arpa e per delimitare i suoli agricoli così da preservare l’intero comparto agricolo della zona, vero motore dell’economia locale.

 

 

Chiediamo ai Ministri di attivarsi presso l’Istituto Superiore della Sanità, rendendone partecipe la popolazione, affinché vi siano definite, brevi e certe tempistiche per ottenere l’aggiornamento dei dati epidemiologici con l’obiettivo ultimo di dare avvio ad uno studio approfondito e dettagliato sulla salute degli abitanti. Questo chiedevano dai tempi i cittadini della Terra di Bari e questo abbiamo chiesto ai Ministri. A noi spetta il compito di farci portavoce delle istanze della gente e di non far calare l’attenzione, neppure nelle sedi istituzionali, su un tema così importante e che tanto ha cambiato e purtroppo cambierà nella quotidianità e nel futuro di tutta la popolazione del sud-est barese.

Servono azioni concrete: immediate e risolutive. Non possiamo rimanere imbrigliati e condannati da coloro che, pur sapendo, non hanno mosso un dito e sono rimasti sordi, lustro dopo lustro, alle voci di lamento dei cittadini. E alla denuncia di un uomo, un vero uomo, che pur dovendo mantenere famiglia e figli, ma forse proprio per tutelare il loro futuro, ha scelto la parola all’omertà ed a cui è d’obbligo il ringraziamento di tutta la Terra di Bari.

Sventurata la terra che ha bisogno di eroi” ammoniva Bertolt Brecht. Per lo sventurato sud-est barese, l’eroe si è rivelato essere la chiave di volta per rompere un muro di gomma che perdura dal 1982. In attesa del lavoro della Magistratura, la parola e la conseguente auspicata azione sulla “Questione Martucci” passa ora ai Ministeri dell’Ambiente, della Salute e dell’Agricoltura. I cittadini attendono da decenni: all’Istituzione il doveroso responso.

Commenti

  1. […] di mettere in sicurezza i campi coltivati nelle aree interessate dallo smaltimento illegale ed incontrollato avvenuto in passato e di tutelare la salute degli […]

  2. […] Camera dove il Ministro Andrea Orlando (o il sottosegretario Marco Flavio Cirillo) risponderà alla mia interrogazione presentata lo scorso giugno. Dopo il pressing a norma di regolamento, infatti, l’atto di […]

  3. […] finalmente giunta la risposta del Governo, tramite il sottosegretario Marco Flavio Cirillo, all’interrogazione presentata lo scorso giugno sulla megadiscarica Martucci di Conversano (BA). Il Ministero dell’Ambiente si costituirà parte civile nel procedimento […]

  4. […] sarebbe dovuta tenere oggi, in Commissione Ambiente, la discussione sulla mia interrogazione relativa alla megadiscarica Martucci, presentata ad inizio giugno scorso. Purtroppo, alle 21.00 di ieri sera, la segreteria del Ministro […]

  5. […] Ma è il “gruppo di studio” che l’Assessore Nicastro ed il Presidente Pentassuglia hanno deciso di istituire per valutare ogni singolo caso territoriale dove insistono discariche ed impianti specifici a trovare la ferma opposizione dei 5 Stelle. Il chiaro riferimento, infatti, è alla megadiscarica Martucci di Conversano, fulcro dell’interrogazione presentata al Ministro Orlando dal M5S.  […]

  6. […] quella dei comitati cittadini sorti a Mola e Conversano. Non c’è una vecchia o nuova discarica: la megadiscarica Martucci insiste, coi suoi diversi lotti e vasche di soccorso, nella medesima local…. Non basteranno un paio di interventi per sistemare una situazione che è oramai giunta ad un […]

  7. […] posso trattenere il mio disappunto. Sono intervenuto sin dal maggio scorso sulla questione della megadiscarica Martucci di Conversano con una interrogazione che riceverà finalmente risposta dal Ministro Orlando domani, venerdì 13 […]