Home / EVENTI / La CUN per superare la crisi agrumicola
Coldiretti Puglia presenta il dossier sul crac agrumi ma gli agricoltori devono richiedere la CUN per la filiera agrumicola se vogliono superare la crisi
Coldiretti Puglia presenta il dossier sul crac agrumi ma gli agricoltori devono richiedere la CUN per la filiera agrumicola se vogliono superare la crisi

La CUN per superare la crisi agrumicola

Ridurre la forbice dei prezzi tra i costi di produzione e quelli finali di acquisto al consumatore attraverso lo strumento della Cun, la Commissione Unica Nazionale di filiera. Questa la risposta del M5S al flash mob organizzato dinanzi al consiglio regionale pugliese da Coldiretti, in cui è stato presentato il “dossier sul crac agrumi” che interessa soprattutto il territorio tarantino. Una situazione aggravata dal maltempo di queste ultime settimane e dal calo dei consumi, scesi sotto i 15 chilogrammi per persona l’anno per effetto di una diminuzione che negli ultimi 15 anni varia da oltre il 20% per le arance ed oltre il 50% per i mandarini. E, come dichiarato dagli stessi vertici Coldiretti, il grave problema della risposta dei mercati e dei prezzi è ciclico.

 

Le problematiche relative ai prezzi pagati agli agricoltori che non riescono neanche a coprire i costi di raccolta, peraltro drammaticamente aggravati dal maltempo e dalla concorrenza sleale, trovano risposta nella Commissione Unica Nazionale di filiera. Invitiamo gli agrumicoltori pugliesi a chiedere, assieme a noi, al Governo Gentiloni di istituire la Cun, istituita con un mio emendamento alla legge 91/2015, mettendo così in soffitta, finalmente, le vetuste borse merci e, al contempo, rendendo trasparenti le trattative, stabilizzando i prezzi nonché creando accordi nella filiera tra produttori e trasformatori.

 

Foglie - 01.02.2017

Foglie – 01.02.2017

 

 

 

La Cun rappresenterebbe una svolta epocale e permettere di porre le basi per il superamento di problematiche che, purtroppo, si ripetono ciclicamente e conferendo finalmente redditività agli agricoltori. Per quanto concerne, invece, le misure attuabili per sostenere le imprese agricole danneggiate dalle avverse condizioni meteo di queste ultime settimane, abbiamo già suggerito al Governo regionale di Michele Emiliano e a quello nazionale le misure da attuare.

 

 

Anche per spiegare questo agli agricoltori tarantini e per rendermi conto in prima persona della drammatica situazione nella mattina di venerdì 20 gennaio sarò nei territori di Castellaneta con diversi incontri organizzati dai locali Attivisti 5 Stelle.

 

 

 

 

Per approfondimenti:

Paese7

ViviCastellaneta

Commenti

  1. […] distanza di mesi, oltre ai danni agli agricoltori pugliesi giunge anche la beffa. La prima bozza del bando relativo alla misura 5.2 prevede solamente il sostegno alle imprese […]

  2. […] e gelata di inizio anno, infatti, misero in ginocchio l’agricoltura regionale soprattutto nelle zone tarantine di Castellaneta, Ginosa, Mottola e Palagiano. Il Governo, su pressioni di diverse interrogazioni parlamentari, promise il massimo impegno ma […]

  3. […] e gelata di inizio anno, infatti, misero in ginocchio l’agricoltura regionale soprattutto nelle zone tarantine di Castellaneta, Ginosa, Mottola e Palagiano. Il Governo, su pressioni di diverse interrogazioni parlamentari, promise il massimo impegno ma […]

  4. […] Agricole ha concesso il sostegno di 250 milioni di euro a 92 Comuni pugliesi colpiti dalle straordinarie gelate e nevicate dello scorso inverno. Un contributo economico necessario per risollevare le sorti di molte aziende agricole, accolto […]