Home / NEWS / Intervista: Polignano tra concorsi illegittimi ed elezioni
Intervista a La Voce del Paese del 13.05.2016 sui concorsi illegittimi, i dirigenti comunali, la zona B4 e le imminenti elezioni amministrative

Intervista: Polignano tra concorsi illegittimi ed elezioni

  • Parliamo ancora del concorso. La risposta del dirigente Vitto tecnicamente è precisa, o no? Non c’era l’obbligo della pubblicazione sulla G.U…

Assolutamente no e, dobbiamo essere sinceri, non ci saremmo aspettati una risposta così imbarazzante. La norma che contiene il riferimento alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è il D.P.R. n. 487 del 1994 e sul tema si è espressa in modo concorde la giurisprudenza. Tra le ultime la sentenza del Consiglio di Stato, Sez. V, 21/01/2016 n. 227. Per cui quel concorso è illegittimo. Quello che però fa specie è la codardia del Sindaco che sta cercando di scaricare tutte le colpe sul dirigente, quando la direzione politica è la sua. Lui e la sua coalizione avevano fatto promesse in campagne elettorale e loro le hanno disattese. I polignanesi sono stati presi in giro.

  • L’assessore Abbatepaolo sostiene che il problema non è nei numeri dei dirigenti, ma nel funzionamento della macchina amministrativa…

Sempre il Sindaco Vitto in campagna elettorale diceva: “Questo è un impegno che voglio prendere con forza perché lo sento, a Polignano c’è gente che prende 400 euro al mese, gente che non può vivere e ti chiede come mai ci sono dirigenti che percepiscono stipendi faraonici. Deve finire anche questo, anche perché i dirigenti di questo paese non sono disponibili con tutti, ci sono le due misure: a chi tanto a chi niente”. I polignanesi hanno visto qualche cambiamento in merito? Noi crediamo di no. Ancora una volta i cittadini sono stati presi in giro.

 

La Voce del Paese - 13.05.2016

La Voce del Paese – 13.05.2016

 

  • Parliamo di problemi seri. Non c’è solo il depuratore. Tutto quello che sta accadendo in via San Vito, lungo la B4, vi interessa? Quali azioni concrete avete promosso a riguardo? O promuoverete?

Sia chiaro, non ci sono cose che ci interessano e cose che non ci interessano. Noi siamo interessati al benessere dell’intera città anche perché Polignano è il paese in cui viviamo. La differenza, casomai, è nella possibilità di poter intervenire oppure no. Purtroppo, in questo caso, la competenza è interamente comunale e il pasticcio è stato fatto in Viale delle Rimembranze. Anche questo episodio dimostra che i polignanesi sono stati presi in giro e che questi amministratori portano avanti gli interessi di qualcuno e non della comunità. Comunque sia se ci sono cittadini che hanno informazioni particolari e che vogliono denunciare qualcosa, noi siamo a disposizione.

  • Oltre all’iniziativa di sabato, quali altre sono in cantiere?

Sabato 4 giugno saremo in piazza Aldo Moro con i primi polignanesi che hanno ricevuto il microcredito 5 stelle. Lo avevamo promesso ed a noi, a differenza di altri, piace mantenere le promesse. Siamo felicissimi che i polignanesi rientrano tra le circa 1.500 erogazioni che, ad oggi, ci sono state in tutta Italia e che hanno portato alla creazione di circa 3.000 nuovi posti di lavoro. Per questo invitiamo tutti i polignanesi a partecipare all’incontro ed a tutti coloro che fossero interessati a come accedere al microcredito a visitare il sito www.microcredito5stelle.it.

  • Il dibattito sulle comunali sembra arenato sia a destra, che a sinistra. Voi invece, quando aprirete il dibattito? Pensate anche a delle primarie?

Il dibattito è sempre stato aperto anche perché noi, avendo una visione di Polignano nettamente diversa rispetto a quella di chi ci amministra, è da più di quattro anni che ascoltiamo i polignanesi e facciamo nostre le loro proposte a beneficio di tutta la comunità (basta consultare il nostro blog www.polignano5stelle.it). Il M5S è aperto a tutti i cittadini perché è dei cittadini. Unici requisiti necessari: essere incensurati e non essere iscritti a partiti o esserne legati. La cosa che più ci allieta è che in questi anni si sono avvicinati tantissimi polignanesi onesti che oggi sono pronti a mettersi in gioco per cambiare realmente in meglio la nostra città. Non sappiamo se saranno fatte delle primarie online come accaduto in altri comuni, al momento è prematuro, la cosa importante è che ci sono molto fermento e molta voglia di partecipazione. Cogliamo l’occasione, anzi, per invitare i cittadini che vogliono far sentire la propria voce, ad iscriversi al nostro portale Rousseau (rousseau.movimento5stelle.it): è gratuito e dà la possibilità di dare il proprio suggerimento in merito alle leggi nazionali e regionali.