Home / NEWS / Affaire Xylella: l’Accademia Nazionale certifica l’olio
La prestigiosa Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio risponde alla richiesta M5S a tutela dei produttori pugliesi contro le speculazioni estere

Affaire Xylella: l’Accademia Nazionale certifica l’olio

L’infezione da Xylella fastidiosa non pregiudica le qualità chimiche ed organolettiche degli oli estratti alberi infetti e, quest’ultimi, non sono veicolo della stessa infezione. A sancirlo definitivamente è l’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio da me interpellata. Con il diffondersi del batterio, infatti, è partita anche una vera e propria guerra commerciale, come lamentato dagli stessi produttori ed esportatori, verso i prodotti pugliesi. Un pericolo per l’intera economia agricola della regione che ho portato all’attenzione del Governo di Matteo Renzi già nel giugno scorso chiedendo di porre fine ai comportamenti degli importatori che spesso travalicavano quello che, per la scienza, è il reale e potenziale impatto del batterio Xylella.

 

 

Con la mia interpellanza urgente, chiedevo al Governo di scendere affianco ai produttori e commercianti pugliesi, non lasciandoli soli a fronteggiare le richieste di chiarimenti. Purtroppo, il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo non prese posizione e affermò che gli operatori potevano cercare da sé dall’EFSA le risposte per certificare ai partner commerciali esteri che il batterio Xylella non ha nulla a che vedere con i prodotti agricoli finali. Un atteggiamento incredibile da parte di chi dovrebbe tutelare i nostri agricoltori ed esportatori nelle sedi internazionali. Per questo, ho indirizzato una richiesta formale all’Accademia che ci ha risposto in maniera ufficiale: ora tutti i commercianti di olio hanno a disposizione una documentazione scientifica da poter mostrare per fronteggiare le possibili speculazioni commerciali. Una documentazione a loro completo servizio: basterà contattarmi e gliela invierò.

 

 

L’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio, fondata nel 1960 a Spoleto, conta ben 230 soci tra giuristi, economisti, tecnologi, agronomi, industriali, addetti al marketing, museologi, chimici, dirigenti di istituzioni pubbliche e private, ricercatori, docenti e divulgatori. Numerosi sono gli stranieri che appartengono all’Accademia: greci, spagnoli, argentini, israeliani, rumeni. Tra gli scopi: la promozione di studi, ricerche e discussioni sui maggiori problemi concernenti l’olivo ed i suoi prodotti, l’organizzazione di convegni, seminari e la trattazione dei più vitali problemi di ordine tecnico-economico, giuridico e nutrizionale nel quadro dell’agricoltura e dell’economia nazionale ed internazionale.

 

E-Polis Bari - 30.10.2015

E-Polis Bari – 30.10.2015

 

Queste le risposte ai quesiti che ho posto, sentiti i proff. Serviti (Univ. Perugia) e Martelli (Univ. Bari) nonché il Consiglio accademico: “Vi è l’assoluta impossibilità di crescita e diffusione dell’eventuale batterio Xylella fastidiosa nel prodotto finito, olio extravergine, in grado di contaminare la pianta. Di conseguenza oli provenienti da aree considerate infette non potranno essere considerati fonti di contaminazione batterica per altre piante di olivo e tanto meno per il consumatore. In definitiva, non vi è alcun rischio che l’olio estratto da olive prodotte da alberi infetti possa diventare veicolo di Xylella fastidiosa”. Inoltre, “tutte le tipologie commerciali di oli estratti dalle olive provenienti da materie prime prodotte in Italia sono da ritenersi sicure dal punto di vista di eventuali contaminazioni biologiche comprese quelle di fatto impossibili da Xylella fastidiosa e quindi idonee al consumo umano e non vi sono evidenze di modifiche qualitative nel profilo dell’olio causate dal batterio”.

 

Download (PDF, 753KB)

 

La nota del Presidente dell’Accademia, prof. Riccardo Gucci, si conclude con un invito, fortemente sentito da tutta la comunità scientifica ed accademica pugliese e da noi stessi ribadita più volte al Governo regionale negli ultimi due anni: ovvero l’importanza che vengano immediatamente avviati dei programmi di ricerca sul batterio ed i suoi effetti.

Commenti

  1. […] Mentre le associazioni di categoria dipingono previsioni alquanto preoccupanti sulla prossima stagione olearia a causa sia della siccità che ha imperversato negli ultimi mesi sia della Xylella fastidiosa che non accenna a bloccare la propria diffusione sul territorio pugliese con una progressione di 40 km l’anno, crescono i timori che venga messa in atto una vera e propria “guerra commerciale” ai danni dell’olio della Puglia. A denunciarlo è il presidente di Confagricoltura Puglia e produttore olivicolo e oleario di Canosa Donato Rossi che ha dichiarato che “sostenere una correlazione tra la Xylella e la qualità dell’olio equivale a una totale inesattezza in quanto le qualità organolettiche dell’olio restano inalterate nel caso in cui l’ulivo si ammali”. Una vicenda su cui si erano accesi i riflettori in Parlamento già nel giugno 2015 ma chiarita solo successivamente dalla Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio di Spoleto. […]

  2. […] pugliesi dovessero davvero pubblicare questo provvedimento saremmo alla stessa stregua della storiella antiscientifica dell’olio EVO “contaminato” da Xylella. Insomma, qui sembra che nello scenario di panico generale, del non sapere cosa fare, […]